Attìa e la guerra dei gobbi a Catania @ Libreria Vicolo Stretto, Catania [27 aprile]

Attìa e la guerra dei gobbi a Catania


41
27
aprile
19:30 - 21:00

 Pagina di evento
Libreria Vicolo Stretto
Via Santa Filomena,38, 95129 Catania
«Io sono Micaela. È nota la mia maestria nelle arti amorose.» «Io sono Attìa, siciliano senza storia e senza dio, ed è nota la mia ammirazione per tali virtù.» «Ci state prendendo in giro?» «Perché dite questo?» «Che razza di nome è Attìa? E il vostro amico come si chiama, 'Accura'?» «Panc.» «Bene. Ci state davvero prendendo in giro.»
«La notte del primo marzo 1860 quattro uomini salparono da Palermo alla volta di Caprera per rapire la donna di Giuseppe Garibaldi. Nessuno di loro aveva progettato il viaggio, né scelto liberamente di prendervi parte: il loro coinvolgimento fu una conseguenza del bizzarro dipanarsi degli eventi.
L'ideatore del viaggio si chiamava Francesco Landi, aveva l'appellativo di 'Generale', ed era uno dei massimi rappresentanti del potere borbonico in Sicilia. In cambio della liberazione della donna, sosteneva, avrebbero costretto Garibaldi a rinunciare all'impresa dei mille. Questo in teoria.
Le cose andarono diversamente. Garibaldi sbarcò a Marsala con mille uomini e conquistò tutta la Sicilia, poi attraversò lo stretto e conquistò il restante regno di Francesco I di Borbone, passando alla storia. I quattro uomini salpati alla volta di Caprera invece non passarono alla storia. Della loro esistenza non v'è traccia da nessuna parte e non esiste un solo libro che accenni in qualche modo alla loro missione, a parte poche pagine del diario di viaggio di uno di loro, il soldato semplice Salvatore Paradiso. Eppure, ai loro tempi erano famosissimi. Le loro gesta ispirarono una canzone che fu un grande successo in tutta la nascente nazione per quindici anni e più, prima di cadere nel dimenticatoio. Evento ancora più bizzarro: la canzone fu scritta prima ancora che i fatti raccontati fossero effettivamente avvenuti. Come se si trattasse del canto di un antico veggente. Quella canzone l'ho scritta io. Facevo il cantastorie, poi sono morto.»
Sperling & Kupfer

Isidoro Meli è nato e cresciuto a Palermo, città che gli ha lasciato una profonda comprensione dei concetti di decomposizione e decadenza.
Dopo una breve ma non meno decadente parentesi lombarda, è tornato in Sicilia, dove ha vissuto un po' ovunque, soprattutto a Catania, approfondendo ulteriormente la conoscenza dei concetti di cui sopra.
Adesso vive a Trapani.
Il suo sogno è vivere a New Orleans, dove su decadenza e decomposizione ci ballano sopra.
«La mafia mi rende nervoso» è il suo primo romanzo.

Accompagna l'autore Giuseppe Lorenti.
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi prossimi @ Libreria Vicolo Stretto:

Canti strozzati di e con Francesco Cusa
Libreria Vicolo Stretto
Lo scirocco femmina a Catania di e con Marco Rizzo
Libreria Vicolo Stretto
TrumpAdvisor di e con Pinuccio
Libreria Vicolo Stretto

Eventi più atteso in Catania :

Sab 12 Maggio Cosmo live @Land Porto di Catania
LAND La Nuova Dogana
MINA&CELENTANO live tribute SHOW
Catania, Italy
The Big Opening - Il Sabato Universitario at Ecs Dogana
ECS Dogana Club
Mayday springfest 2018 - Le Capannine - 1 Maggio
Le Capannine
Random® • Catania • Industrie
Industrie
21 Aprile NITRO - No Comment Tour at Ecs Dogana Club
ECS Dogana Club
Randonnée dell'Etna brevetto ARI 200Km
110+rpm Cycling & Triathlon